ricetta-della-quarume
Ricetta della quarume

Vi ricordate quando vi abbiamo raccontato la storia della caldume? Bene, se vi è piaciuto sentirla vi piacerà ancora di più mettervi alla prova e cucinarla, con la nostra ricetta della quarume.

Sì, sì, sappiamo che è per lo più un cibo street, ma vogliamo darvi tutti gli strumenti per replicare a casa quello che è un piatto tipico palermitano, con una storia lunga e con il merito di riuscire a sfamare davvero tante persone.

Ricetta della quarume: ingredienti e procedimento

Per far sì che la ricetta della quarume riesca alla grande vi consigliamo di chiedere consiglio al vostro macellaio: sarà lui a guidarvi nel magico mondo delle viscere, tra ventra, centopelle, matruzza e ziniere. Se siete alle prime armi, spiegateglielo: vi aiuterà con i tagli e vi darà qualche dritta.

Ingredienti

600 grammi di viscere
1 gambo di sedano
2 cipolle
2 carote
Sale e pepe quanto basta

Passaggi e procedimento

Prendete le viscere che avete acquistato e pulitele con acqua, sale e aceto all’interno di una ciotola. Fate questo per circa cinque minuti, dopodiché sciacquatele sotto l’acqua corrente.

Mettete poi a bollire due litri d’acqua, versateci 1/2 cucchiaio di sale e accendete il fuoco. Metteteci dentro le viscere e portatele a ebollizione.

Una volta bollite, lasciate le viscere a scolare dentro uno scolapasta. Ora prendete le cipolle: tagliatele a vostro piacimento (sarebbe meglio a fette piccole ma non troppo fini, di modo che si sentano).

Togliete la buccia alle carote, sciacquatele, sciacquate anche il sedano e tagliate entrambi gli ortaggi a rondelle. Se volete potete tritare qualche foglia di sedano, a vostro piacimento.

Prendete di nuovo la pentola, metteteci dentro due litri d’acqua e, a freddo, le viscere, le cipolle, le carote e il sedano. Accendete ora il fuoco, ma assicuratevi che la fiamma rimanga bassa.

Durante la cottura, se lo volete, potete aggiungere nel vostro brodo mezzo cucchiaio di olio, un po’ di sale e a di pepe. La cottura richiede circa un’ora, ma per essere sicuri andate assaggiando: non c’è metodo migliore per capire se i pezzi stanno effettivamente cuocendo.

Quando sarete sicuri che le viscere sono cotte spegnete il fuoco. Potete mangiare la quarume calda, dentro il brodo, tagliandola direttamente dentro il piatto. Non dimenticate il pane, che deve essere rigorosamente bagnato nel brodo!