cassatella
cassatella

Una pasta morbida e friabile, da mangiare calda, avvolta in un leggero tovaglino. Un cuore morbido fatto di ricotta e poi ecco: le gocce di cioccolato. Cos’è questa meraviglia? Ma la cassatella, ovviamente una delizia diffusa in tutta la Sicilia.

Le cassatelle vengono impastate, farcite e poi fritte e il loro sapore è talmente buono che in tutta l’Isola si fa a gara per chi fa la migliore.

Origini e storia della cassatella

Si dice che la cassatella originale sia nata secoli e secoli fa e che fosse leggermente più grossa e grezza, almeno all’inizio. Si pensa che sia nata nei dintorni di Calatafimi Segesta.

Con il tempo la cassatella si modificò e pare che prese il suo attuale aspetto passando attraverso i secoli e prendendo elementi sia della cucina rurale che della cucina più ricca. Ricotta, cacao, mandorle e cannella si unirono in un unico squisito dolce, che veniva realizzato in prossimità della Pasqua.

Allo stesso tempo il tipo di fattura fa pensare ad alcune caratteristiche della dominazione araba, come l’uso delle spezie. Non esistendo una ricetta originale rintracciabile, comunque, queste sono solo supposizioni. L’unica cosa che resta certa è la storia lunghissima.

Varianti famose e meno famose

Tra le varianti una menzione d’onore spetta alla cassatella di Agira, un prodotto tipico della cucina ennese. La forma è pressoché identica a quella della sorella ripiena di ricotta, ma la farcia è completamente diversa.

Quella di Agira, infatti, è ripiena di cacao, mandorle tritate, farina di ceci, zucchero e scorza di limone essiccata. Aveva un’antenata che oggi è scomparsa: una sorta di cassatella primordiale che veniva chiamata pasticciotto.

Questo tipo di cassatella viene preparata con un procedimento antico e gelosamente custodito, che rende ogni versione leggermente diversa dall’altra.

In alcune zone della Sicilia sono chiamate cassateddi anche i buccellati. A Caltanissetta si cucina poi un dolce fritto che viene chiamato così, ma in reltà si chiama raviola nissena.

Per finire, esistono anche la cassatella salata: si tratta di un tipo di pasta che viene farcita con ricotta, prezzemolo, pecorino e sale e poi bollita, per essere infine servita con un buon brodo di carne o di pesce.