Oggi vi vogliamo parlare di un dolce catanese davvero squisito, una delle tante sfumature di fritto che invadono la Sicilia: le zeppole di riso o crispelle fritte.

Si tratta di una specialità aromatizzata e zuccherata, che fa venire l’acquolina in bocca soltanto guardandola: un piacere per il palato, per l’olfatto e per gli occhi.

Crispelle fritte catanesi, la storia

La storia delle crispelle fritte è molto più antica di quanto si creda: l’usanza di friggere il riso impregnato nel latte risale all’antichità.

Di fatto, però, la storia ufficiale vuole che a creare le crispelle fritte siano state delle suore, intorno al sedicesimo secolo, quando parte delle attività sociali giravano proprio attorno alle chiese, ai conventi e ai monasteri.

Proprio in un monastero si muovono le nostre protagoniste, e precisamente nel monastero dei Benedettini di Catania. Nello specifico, le monache inventrici della ricetta stavano preparando dei dolci in occasione della Festa di San Giuseppe.

Friggi che ti rifriggi, prepara e cuoci, ecco che il riso incontrò il latte e venne fritto in maniera semplice semplice. All’inizio non sembrò un’idea così geniale, ma quando vennero aggiunte le scorzette d’arancia e il miele, fu un vero successo.

Crispelle di riso come si cucinano

Bastano pochi ingredienti per cucinare le crispelle di riso. Nel dettaglio servono:

  • 500 ml di latte
  • 250 g di riso
  • 100 g di farina
  • 10 grammi di lievito
  • 50 grammi di zucchero
  • Miele, scorze d’arancia
  • Sale, pepe e cannella

Bene, pronti? Ok. Portate a bollore il latte. Aggiungete un pizzico di sale e poi metteteci dentro il riso. Quando il riso avrà assorbito completamente il latte toglietelo dal fuoco e impastatelo con la farina, la scorza d’arancia, la cannella e lo zucchero.

Assaggiate un po’ il composto: se manca di cannella aggiungetene un altro pizzico, ma non esagerate. Aggiungete il lievito e impastate ancora e ancora, dopodiché coprite tutto con una pellicola e lasciate a riposare per un paio d’ore, finché l’impasto non sarà lievitato.

Quando sarà pronto, prendete delle palline di riso e modellatele, facendole diventare piccoli cilindri. Mentre le modellate, mettete sul fuoco l’olio e fatelo riscaldare. Una volta che l’olio sarà ben caldo, friggetele.

Ricordate di girare le crispelle fin quando non saranno ben dorate. Scolatele, mettetele su carta assorbente e poi servitele con una spolverata di zucchero e con un filo di miele.