crocché fatte in casa
crocché fatte in casa

Vi abbiamo già raccontato la storia dei cazzilli palermitani e della loro origine. Oggi passiamo a darvi la ricetta, in modo da realizzare delle ottime crocché fatte in casa da servire ad amici e parenti.

Prima di passare alla ricetta dobbiamo darvi una raccomandazione: ricordatevi di usare le patate vecchie e farinose, o rischiate di trovarvi a maledire ogni singola crocché che vi si sfalderà irrimediabilmente tra le mani.

Crocché fai da te: trucchi e ricetta dei cazzilli

Preparate una pentola ampia per cuocere le patate, un tegame profondo dove friggere e una ciotola dove impasterete le vostre patate. Dopodiché armatevi di schiacciapatate (o passaverdure) e… pazienza.

Ingredienti per le crocché (circa 30 persone)

1,5 kg di patate
Prezzemolo tritato (o un ciuffo da tritare)
Sale e pepe quanto basta
Olio extravergine d’oliva.

Cottura, preparazione e frittura

Per prima cosa bollite le patate. Per verificarne la cottura infilzatele con una forchetta. Quando vi sembreranno morbide (morbidissime) scolatele e lasciatele raffreddare, dopodiché spellatele.
Durante questo passaggio cercate di fare attenzione: per quanto la tentazione di usare il coltello possa essere forte, spellare le patate a mano vi consente di non sprecarne neanche un po’.

A questo punto, potete iniziare a schiacciarle con lo schiacciapatate. Iniziate dalle più grosse per poi procedere alle più piccole, cercando ottenere una bella purea compatta e morbida. Potete aiutarvi con il cucchiaio.

A questa purea dovete aggiungerete il sale e il pepe. Per riuscire a capire qual è la giusta quantità, assaggiate il più possibile. Infine, aggiungete il prezzemolo tritato.
C’è chi, a questo punto, aggiunge un po’ di latte o dell’albume: se state usando le patate vecchie evitate, non occorre.

Adesso è il momento di dare forma alle vostre crocché fatte in casa. Iniziate facendo delle palline con il vostro impasto, dopodiché allungatele perché prendano la forma tipica del cazzillo. Una volta formate le vostre crocché fai da te, prendete il tegame profondo e riempitelo a metà di olio extravergine d’oliva.

Prima di mettere le crocché assicuratevi che l’olio sia ben caldo: per accertarsene basta far gocciolare dell’acqua e vedere se ribolle. Giunti a questo punto potete fare friggere le vostre crocché, cercando di non metterne troppe in una volta sola.

Raggiunta una bella doratura, potete servire: ricordatevi di mangiarle calde e di spolverarle con un ulteriore pizzico di sale.