Ed eccoci di nuovo con un appuntamento dedicato ai detti siciliani sul cibo. Ve ne abbiamo già elencati diversi (li trovate qui e qui) e come vi abbiamo promesso torniamo a parlarne.

In particolare oggi ci concentreremo sui detti siciliani riguardanti al mondo del bere e delle bevande, spiegandoveli uno per uno, come al solito. Siete pronti?

Detti siciliani sul bere: eccone cinque

Come sempre prenderemo in esame cinque detti siciliani sul cibo (o meglio, sul bere questa volta) e ve li spiegheremo. Ricordatevi che siamo aperti ai suggerimenti, quindi se c’è un proverbio che conoscete e di cui volete sapere qualcosa… ditecelo!

Ma adesso diamo un’occhiata ai nostri detti del giorno:

  • Carni fa carni, pani fa panza, vinu fa danza
    Questo detto ha delle origini antiche: si riferisce al fatto che anche in passato si sapeva bene che chi mangiava più carne tendeva a mettere più muscoli (da qui la carne fa carne), mentre chi mangiava pane e dunque carboidrati, metteva su pancia.

    Allo stesso tempo il proverbio ironizza sul fatto che il vino fa danza, ovvero distoglie dai problemi (di linea e non) e fa ballare, ridere e scherzare.

  • U vinu è meli finu ma pi cu unnu sapi viviri è velenu
    Letteralmente questo proverbio significa: il vino è come puro miele, ma per chi non lo sa bere è veleno. Perché? Semplice: come ben sappiamo un eccesso di vino porta all’ubriachezza e alla dipendenza, come qualsiasi altro alcolico insomma.

    Pertanto, per quanto il vino possa essere buonissimo va bevuto con sapienza e attenzione, onde evitare di esagerare e incappare nei rischi che l’esagerazione, appunto, comporta.

  • Si l’acqua i mari fussi vinu, un ci fussi cchiù ‘omu sirienu
    La traduzione letterale è “Se l’acqua di mare fosse vino non ci sarebbe più nessun uomo sereno”. Chiaramente questo proverbio intende dire che se avessimo a disposizione tutto il vino del mondo non ci sarebbe più nessuno in grado di non bere.

    E dato che, come sappiamo, anche il bere comporta tanti rischi, non ci sarebbe più nessun uomo sereno, ovvero in grado di affrontare le cose della vita con serenità.

  • Ovu r’un’ura, pani r’un jornu e vinu r’un annu un ficiru mai dannu.
    Questo proverbio sottolinea l’importanza di bere e mangiare prodotti freschi, che rendono la tavola più salutare. Significa letteralmente “L’uovo di un ora, il pane di un giorno e il vino di un anno non hanno mai fatto danno”.

  • U vinu è nimicu ca agisci a tradimentu.
    Infine, un proverbio di facile comprensione: il vino è un un nemico che agisce a tradimento. Cosa significa? Significa che bevendo tanto vino si diventa brilli e ci si ubriaca senza neanche accorgersene.