scaccia
Scaccia

Quando si pensa alla scaccia ragusana non si può non pensare alla sua bontà e al suo sapore straordinario. Si tratta di una focaccia tipica del periodo natalizio, ma è ovvio che si possa mangiare tutto l’anno.

Non esiste un’unica ricetta per la scaccia ragusana: ce ne sono tante, tutte diverse. Oggi ve ne proponiamo una molto condita e saporita. Fateci sapere come vi trovate!

Scaccia ragusana: la ricetta

La ricetta che vogliamo darvi è fatta di ingredienti semplici, ma vi raccomandiamo di avere pazienza: ci vuole un minimo di manualità! Fidatevi e sappiate che con il tempo le vostre scacce diventeranno sempre più buone!

Ingredienti:

  • 500 grammi di farina di grano duro
  • 600 grammi di salsa
  • 400 grammi di formaggio stagionato (preferibilmente caciocavallo)
  • una bustina di lievito
  • 3 cipolle
  • olio, sale, pepe e prezzemolo quanto basta.

Procedimento:

Prendete una ciotola e metteteci la farina e tre cucchiai d’olio. Aggiungete il lievito allungato con 200 ml di acqua e un po’ di sale. Impastate bene, fino a creare un impasto gommoso. Fatene un panetto e fatelo lievitare per mezz’ora.

Passate ora alla salsa. Mettete dell’olio in una padella e fate imbiondire le cipolle. Una volta fatto, mettete un po’ di prezzemolo e aggiungete la salsa. Aggiungete tre cucchiai d’olio e fate cuocere a fuoco lento per mezz’ora, mescolando ogni tanto.

Mettete del sale, del pepe e fate raffreddare. A questo punto ritornare alle scacce. Mettete poi un po’ di farina sul piano di lavoro e dividete il panetto in tanti pezzi (a seconda di quante scacce volete).

Se volete delle scacce grandi, dividetelo in tre. Stendete i pezzi formando un bel rettangolo. A questo punto la salsa si dovrebbe essere raffreddata. Mettete la salsa al centro del rettangolo e spolverate con il caciocavallo.

Aggiungete un po’ d’olio e chiudete la scaccia. Ripiegate il tutto fino a formare un fagottino (la forma tipica della scaccia). Bucate e spennellate la superficie. Fate cuocere in forno a 220° per 40 minuti. Servitele tiepide o fredde.